AccessDeniedAccess DeniedDE81F932091D5A17515xYXqXlAVlzL5F+1tMrHuY2PR8rG1+2SHt0Z9ewNHQ3jG/fkWsXMa0gGC2Brez2XyOYi94rwk= Normativa - Blog ondebt

Normativa

Informazioni sulle leggi, i regolamenti e le prassi la cui conoscenza possa risultare utile per la gestione delle crisi economiche, finanziarie e da sovraindebitamento.

03
Marzo
2018

Anche in Italia i punitive damages

Cassazione Civile, SS.UU., sentenza 05/07/2017 n. 16601

Anche in Italia i punitive damages

Nel nostro post del 21/10/2014 (vedi punto 7) auspicavamo che, tra le misure innovative da adottare nel nostro Paese nell'ambito della giustizia, vi fosse l'introduzione nell'ordinamento giuridico italiano della fattispecie di condanna pecuniaria tipica dei sistemi di common law nota come "punitive damages". Nei paesi di common law le diverse componenti del risarcimento dovuto dal responsabile di un illecito civile si distinguono in base agli scopi che perseguono:

Written by: Danilo D'Amico Categories: Come difendersi, Normativa

10
Febbraio
2018

Conclusione e proposte della Commissione Banche

I contenuti della relazione finale del 30/01/2018

Conclusione e proposte della Commissione Banche

La Commissione d'Inchiesta sul Sistema bancario e finanziario, istituita con Legge n. 107 del 12 luglio 2017, il 30/01/2018 ha rilasciato la sua relazione finale, con allegate tre relazioni di minoranza.
All'avvio dei lavori la Commissione ha acquisito nella sua documentazione, e ha tenuto conto nei suoi lavori, di due Indagini Conoscitive della Commissione Finanze e Tesoro del Senato:
La prima Indagine si è svolta nel corso dell'intero anno 2015. A conclusione dei suoi lavori, nel dicembre del 2015, la Commissione aveva individuato tre principali questioni sulle quali aveva espresso alcune valutazioni:
1 - la separazione/divisione tra l'attività bancaria tradizionale e quella finanziaria;
2 - gli effetti della vigilanza europea sul sistema bancario e le prospettive di riassetto del sistema;
3 - le misure sui crediti deteriorati e le sofferenze bancarie.
La seconda Indagine ha preso avvio nel gennaio 2016 e si è conclusa nel febbraio 2017. Anche la relazione conclusiva della seconda "Indagine Conoscitiva sul Sistema bancario e finanziario italiano" evidenziava con riferimento al sistema bancario italiano una serie di problematiche che sono state ulteriormente approfondite dalla Commissione di Inchiesta:
1 - La scarsa redditività delle banche italiane;
2 - L'assetto della Vigilanza per finalità;
3 - Il nuovo e più complesso quadro regolamentare e di vigilanza europeo dell'Unione Bancaria.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Politica Economica, Come difendersi, Normativa

06
Febbraio
2018

Nuova concezione del rapporto debito-credito

Una reinterpretazione dal punto di vista legislativo e giuridico

Nuova concezione del rapporto debito-credito

Negli ultimi anni il rapporto debito-credito sta subendo un ripensamento anche da parte del legislatore, che - ovviamente - si occupa di reinterpretare le vicende contrattuali che oppongono il creditore al debitore.
Seguiamo alcune tracce di questa evoluzione culturale di matrice giuridica.
Il Fresh Start
Con la Legge 3/2012 entra nel lessico giuridico il termine "sovraindebitamento" con il quale s'intende una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, nonché la definitiva incapacità del debitore di adempiere regolarmente alle proprie obbligazioni. Con questa legge, anche l'Italia si dota, come avevano già fatto da tempo altri paesi, di uno strumento che può consentire al consumatore (e in genere a tutti i soggetti non fallibili) il cosiddetto fresh start (ripartire da zero). Qualche anno prima, nel 2006, anche in ambito fallimentare era stato introdotta una regolamentazione analoga, prevedendo al capo IX (artt. 142 e segg.) della Legge Fallimentare (R.D. 267/1942) l'istituto giuridico dell'esdebitazione, che consente al fallito che sia stato esdebitato di non rispondere dei debiti non soddisfatti dalla procedura fallimentare. La valenza sociale di questi provvedimenti legislativi è immediatamente percepibile: tende a consentire che ai suoi destinatari di riacquistare un ruolo attivo nell'economia, evitando loro di restare schiacciati da un carico perenne di debito a cui non riescono a far fronte.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Debito, Educazione Finanziaria, Antropologia, Normativa

31
Gennaio
2018

La relazione della Commissione banche

Relazione del 30 gennaio 2018

La relazione della Commissione banche

La Commissione d'Inchiesta sul Sistema bancario e finanziario, istituita con Legge n. 107 del 12 luglio 2017, ha rilasciato ieri (30/01/2018) la sua relazione finale che qui riportiamo: Relazione Finale del 30/01/2018.
In effetti, il documento pubblicato ieri contiene la Relazione Finale approvata dalla Commissione (di cui al link precedente), ma anche (come allegati) le seguenti n. 3 relazioni di minoranza:
- Relaz. minoranza a firma on. Brunetta + altri - Parte 1;
- Relaz. minoranza a firma on. Brunetta + altri - Parte 2;
- Relaz. minoranza a firma on. Sibilia + altri;
- Relaz. minoranza a firma on. Zoggia + altri.
Consigliamo la lettura integrale del documento, quindi anche delle tre relazioni di minoranza, in quanto vi si trovano interessanti notizie e spunti di riflessione.
Abbiamo corredato di alcune segnalazioni (testo evidenzaiato in giallo) gli spunti ritenuti particolarmente significativi, senza con ciò voler suggerire stringate sintesi di un testo complesso,  che va letto integralmente per la comprensione delle tematiche trattate, che risultano di stringente attualità e di enorme importanza per l'assetto finanziario italiano.
La lettura è impegnativa, ma di sicuro interesse.
Ci riserviamo un approfondimento in un successivo post.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Politica Economica, Macroeconomia, Normativa

20
Febbraio
2015

Banche: maggiori controlli

arrivano il whistleblowing e il cease and desist order

Banche: maggiori controlli

Nella riunione del 10/02/2015 il Consiglio dei Ministri del Governo Italiano ha approvato il testo di un decreto legislativo (da sottoporre al vaglio delle Commissioni parlamentari) per il recepimento della direttiva europea su l'accesso all'attività degli enti creditizi e la vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulle imprese di investimento. Il testo contiene le modifiche al Testo Unico Bancario e al Testo Unico della Finanza volte a recepire, a livello legislativo, la direttiva 2013/36/UE sull'accesso all'attività degli enti creditizi e sulla vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulle imprese di investimento (c.d. "CRD4"), in attuazione della delega contenuta negli artt. 1 e 3 della legge 154/2010 (Legge di delegazione europea 2013 - secondo semestre). Ad onor del vero la CRD4 doveva essere recepita entro il 31 dicembre 2013, ma l'approvazione della delega legislativa da parte del Parlamento solo con la legge 7 ottobre 2014, n. 154, che reca i principi e criteri specifici di delega, non ha reso possibile rispettare il predetto termine. Per questo è pendente una procedura d'infrazione.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Debito, Educazione Finanziaria, Normativa

01
Febbraio
2013

Norme sul sovraindebitamento

Norme sul sovraindebitamento

Prima della Legge 3/2012 i non imprenditori e i piccoli imprenditori erano esclusi da ogni possibilità di soluzione globale delle proprie posizioni debitorie, senza possibilità di confronto con il proprio ceto creditorio e in condizioni di discriminazione rispetto ai soggetti tutelati dalla normativa fallimentare e sulle grandi imprese in crisi. Le norme introdotte dalla Legge 3/2012 sembrano completare l’ordinamento concorsuale italiano, in quanto consentono, anche al privato cittadino o al piccolissimo imprenditore, da un lato di bloccare le azioni giudiziarie avviate autonomamente dai singoli creditori, e dall'altro di proporre un piano di rientro al ceto creditorio, supportato dal vaglio dell’amministrazione giudiziaria. Si rende dunque possibile, previo consenso di una percentuale del 70% dei creditori interessati e con l’omologa da parte del tribunale del luogo di residenza  del debitore, accedere ad un accordo di ristrutturazione del debito simile a quello previsto dall’art.182 della Legge Fallimentare.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Normativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy Policy di http://www.ondept.it
Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.
Tipologie di Dati raccolti
Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie e Dati di utilizzo.
Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.
I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall'Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questa Applicazione.
L'eventuale utilizzo di Cookie – o di altri strumenti di tracciamento – da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l'Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall'Utente.
Il mancato conferimento da parte dell'Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questa Applicazione di erogare i propri servizi.
L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.
Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti
Modalità di trattamento
Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali.
Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate. Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L'elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.
Luogo
I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare.
Tempi
I Dati sono trattati per il tempo necessario allo svolgimento del servizio richiesto dall'Utente, o richiesto dalle finalità descritte in questo documento, e l'Utente può sempre chiedere l'interruzione del Trattamento o la cancellazione dei Dati.
Finalità del Trattamento dei Dati raccolti
I Dati dell'Utente sono raccolti per consentire al Titolare di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne, Statistica e Interazione con social network e piattaforme esterne.
Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicati nelle sezioni specifiche di questo documento.
Dettagli sul trattamento dei Dati Personali
I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Interazione con piattaforme esterne e social network (Facebook), contatto via email
Statistica
Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne
Ulteriori informazioni sul trattamento
Difesa in giudizio
I Dati Personali dell'Utente possono essere utilizzati per la difesa da parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell'Utente.
L'Utente dichiara di essere consapevole che il Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.
Informative specifiche
Su richiesta dell'Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questa Applicazione potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.
Log di sistema e manutenzione
Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questa Applicazione e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l'indirizzo IP Utente.
Informazioni non contenute in questa policy
Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.
Esercizio dei diritti da parte degli Utenti
I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno degli stessi presso http://www.ondept.it, di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento.
Questa Applicazione non supporta le richieste "Do Not Track". Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.
Modifiche a questa privacy policy
http://www.ondept.it si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina, prendendo come riferimento la data di ultima modifica indicata in fondo. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l'Utente è tenuto a cessare l'utilizzo di questa Applicazione e può richiedere al Titolare del Trattamento di rimuovere i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.
Informazioni su questa privacy policy
ondept.it è responsabile per questa privacy policy.
Questa informativa privacy riguarda esclusivamente questa Applicazione.

AccessDeniedAccess DeniedF3D7E66915120281ZwYGXuvCYbN9n3JaOR4abREO6UZinFYcfhDSkD1sFAOAD8ihuGob/MEOFb/yCwoAcPzlpSfxc+I=