AccessDeniedAccess DeniedEA404F31242D38652PZr2pCPZFQ/Bst2plNGqKg9s6DIptDniRnWRi6bFwY0NIkqKuTDMNIoFm7n9cZuJwqK9Ht/aJM= Debito Privato - Blog ondebt

Articoli taggati con: Debito Privato

19
Dicembre
2013

Il ruolo del debito privato nell'Eurozona

segnalazione articolo

Segnaliamo un interessante articolo sulla crisi dell'Eurozona in cui viene evidenziata l'importanza e il ruolo del debito privato.

Per leggerlo vai all'articolo correlato.

Categories: Debito, Macroeconomia

04
Novembre
2013

La Ricaduta ...

del debito privato sul debito pubblico.

La Ricaduta ...

Considero corretto utilizzare il 90% delle proprie energie per comprendere il problema e il solo il 10% per risolverlo. Nella comprensione risiede la soluzione, e non il contrario.

Comprendere le problematiche macroeconomiche del debito è il primo passo che l'umanità può compiere per avviarsi verso la soluzione dei problemi macroeconomici che la affliggono.

Continuare a improvvisare è ridicolo, anche se a volte può sembrare che ci alleggerisca il cuore e ci prospetti un futuro migliore.

Vi è stata, negli ultimi decenni, una relazione tra debito privato e debito pubblico? Provate a leggere l'articolo di Vito Lops del 02/07/2013 su Il Sole 24Ore.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Debito, Macroeconomia

27
Ottobre
2013

L'importante questione del debito privato

come i privati possono sconvolgere i bilanci pubblici

L'importante questione del debito privato

Forse la guerra delle idee tra capitalismo e comunismo è oggi terminata, ma l'economia di mercato si presenta in numerose varianti, e il confronto tra esse è più acceso che mai.

Alcuni sostengono che un sistema economico di mercato puó tollerare un elevato livello di disuguaglianza sociale perché questa sarebbe in grado di motivare la gente. Secondo tale ipotesi, premiando le persone in proporzione al contributo che esse danno alla società si creerebbe una società più efficiente e, forse, più desiderabile.

Se a questo assunto si aggiunge il collaterale assioma della naturale tendenza dell'economia di mercato a raggiungere l'equilibrio, ecco che prende forma un credo tanto ingenuo quanto utile al portafogli delle élite economiche e finanziarie.

Vi sono gruppi di persone, infatti, che hanno tutto da guadagnare dalle politiche di laissez faire che sono la ovvia conseguenza delle credenze sopra illustrate.

In effetti, il filone dominante della teoria economica si presenta come una ostinata speculazione di pensiero, ispirata dalla fascinazione indotta dalla Favola delle Api di Bernard de Mandeville e dal mito della Mano Invisibile attribuito ad Adam Smith, e poi approdata al cosiddetto modello walrasiano (Léon Walras, 1874), che descrive l'economia come un equilibrio, simile a quello newtoniano nella fisica.

Se in certi momenti il modello dà l'impressione di rappresentare la realtà, in molti altri si dimostra affetto da risibili contraddizioni.

La sua assurdità emerge con chiarezza ogni qual volta nei sistemi economici, e in particolare in quelli più orientati alle deregolamentazioni tipiche del vecchio capitalismo, si assiste alla formazione delle cosiddette "bolle" di mercato.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Debito, Macroeconomia

06
Giugno
2013

Bipedi infangati

Vivere all'ombra della catasfrofe

Bipedi infangati

"Raccontano i naturalisti che l'ermellino ha una pelle bianchissima, e che quando i cacciatori lo vogliono pigliare, usano di cacciarlo verso certi luoghi da loro appositamente infangati; dove il mondo animale arrivando si ferma e si lascia pigliare piuttostoché insozzare la sua bianchezza, la quale da lui è pregiata più che la libertà stessa e la vita." Miguel de Cervantes - El ingenioso hidalgo don Quijote de la Mancha - 1605

Dove sono finiti gli ermellini oggi? Se il mondo animale  si ferma, piuttosto che infangarsi, il mondo umano è disposto a insozzarsi fino a morirne. Così i sistemi finanziari e economici viaggiano verso l'autodistruzione.

L'articolo di ieri di Morya Longo su Il Sole 24Ore (clicca qui) ci ricorda il lento, ma inesorabile destino che la scellerata politica di deregolamentazione del debito ha disegnato.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Debito, Educazione Finanziaria, Macroeconomia, Notizie dalla Stampa, Riflessioni

01
Maggio
2013

DEBITO: le origini

Debito e Dono: il sinallagma

DEBITO: le origini

La ricerca delle origini del concetto/sentimento del Debito ci conduce a quello di Dono.

Prima di avventurarci nella nostra analisi è necessario però sgombrare il campo da un equivoco di significato, perché spesso noi uomini restiamo impigliati nella rete dei simboli da noi stessi creata. Il dono, come spesso percepito in un'accezione contemporanea, è il prodotto di una secolare idealizzazione religiosa, per la quale si parla di dono solo quando questo è gratuito, unilaterale e privo di aspettativa di ricambio. In realtà, come innumerevole e pacifica letteratura antropologica ha dimostrato, nulla è meno gratuito del dono. Attenzione, dunque, a non confondere il dono con la carità o suoi sinonimi.

Quello che manca nel dono è la garanzia della restituzione (cioè la certezza del controdono), tanto da indurre Remo Guidieri a parlare di “prestito”. Assenza di garanzia in quanto nel controdono vi è una  elevata dose di libertà. Nel dono, infatti, è implicito l'obbligo di restituzione, ma i modi e i tempi di questa non sono rigidi e prefissati, esplicandosi in un obbligo morale non sanzionabile per legge.

Ricordiamo tale caratteristica con le parole di Marcel Mauss nel suo celebre Saggio sul dono, ed. Einaudi: “ … intendiamo considerare qui solo uno dei tratti, profondo ma isolato: il carattere volontario, per così dire, apparentemente libero e gratuito, e tuttavia obbligato e interessato, di queste prestazioni. Esse hanno rivestito quasi sempre la forma del dono, del regalo offerto generosamente, anche quando nel gesto che accompagna la transazione, non c’è che finzione, formalismo e menzogna sociale e, al fondo, obbligo e interesse economico.”

Le origini del dono sono dunque antichissime, tanto da indurre alcuni antropologi a pensare che sia proprio il dono l'elemento attraverso il quale gli uomini creano la loro società. Il dono è un promotore di relazioni tra individui e si afferma come strumento della volontà degli uomini per creare rapporti sociali. Sono convinto che il sinallagma tra dono e debito sia uno dei presupposti principali per l’innesco dei legami individuali.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Debito, Antropologia, Macroeconomia

11
Aprile
2013

La morale tra debito e concetto di colpa

un articolo di Guido Rossi su IlSole24Ore del 07/04/2013

La morale tra debito e concetto di colpa

   Si segnala l'articolo La morale tra debito e concetto di colpa di Guido Rossi su IlSole24Ore del 07/04/2013. Buona lettura.

Categories: Notizie dalla Stampa

10
Aprile
2013

Debito & Parole

Comprendere l'evoluzione delle parole per comprendere le crisi economiche

Debito & Parole

Nel pieno dei ruggenti anni '20 del secolo scorso comparve nei dizionari di inglese americano la locuzione down payment (traducibile in italiano come acconto), definito come “an initial amount paid at the time of purchase, in installment buying, time sales, etc.” (un importo iniziale pagato al momento dell'acquisto, in caso di vendita rateale).

Fu questo un chiaro segno lasciato nel mondo delle parole dall'avvento del cosiddetto consumo di massa. Se nei dizionari si sedimentano i cambiamenti dei costumi dei popoli, il fatto rilevante è che per la diffusione tra le persone di beni materiali e servizi nulla hanno potuto le politiche di distribuzione della ricchezza.

Più predicate che praticate, nel mondo occidentale le politiche distributive sono riuscite a imporsi unicamente come strumento di propaganda elettorale.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Macroeconomia

31
Marzo
2013

Peccati e Virtú del debito

Il commento di Gianni Toniolo (IlSole24Ore) al saggio di D.Graeber

Questo è un invito alla lettura dell'interessante saggio di David Graeber dal titolo "Debito. I primi 5.000 anni", Il Saggiatore, Milano, pagg. 522, € 23, 00.

Dedicato al libro l'articolo di G. Toniolo "Virtù del debito".

Written by: Danilo D'Amico Categories: Debito, Antropologia, Macroeconomia

09
Marzo
2013

Antropologia del Debito

È nata prima la Moneta o il Debito?

La ricostruzione convenzionale che l’economia fa delle origini della moneta vede questa come un fenomeno ereditato dal baratto.  È pur vero che gli economisti individuano le tre funzioni tipiche della moneta: mezzo di scambio, unità di conto e riserva di valore. Ma la loro tendenza è di dare importanza alla prima funzione.

In effetti, quando un insegnante di economia deve spiegare cos’è la moneta, difficilmente sfugge alla tentazione di dire: “Provate a immaginare come sarebbe la vita senza denaro. L’alternativa a un’economia monetaria è il baratto, dove le persone si scambiano beni e servizi direttamente contro altri beni e servizi.” Inevitabilmente poi si dilungherà a evidenziare quanto è scomodo e dispendioso il baratto rispetto alla praticità dello scambio monetario.

L’effetto sugli allievi è suggestivo.

Da quando un professore di filosofia morale all’Università di Glasgow, Adam Smith, sdoganò la cosiddetta disciplina economica, la funzione della moneta è stata mitizzata ricorrendo a equazioni matematiche per dimostrare non solo che tra tutte le merci una assurge naturalmente al ruolo di moneta, ma anche che si determinerebbe per automatismo un sistema uniforme di prezzi.

Written by: Danilo D'Amico Categories: Debito, Antropologia, Macroeconomia

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy Policy di http://www.ondept.it
Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.
Tipologie di Dati raccolti
Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie e Dati di utilizzo.
Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.
I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall'Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questa Applicazione.
L'eventuale utilizzo di Cookie – o di altri strumenti di tracciamento – da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l'Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall'Utente.
Il mancato conferimento da parte dell'Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questa Applicazione di erogare i propri servizi.
L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.
Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti
Modalità di trattamento
Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali.
Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate. Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L'elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.
Luogo
I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare.
Tempi
I Dati sono trattati per il tempo necessario allo svolgimento del servizio richiesto dall'Utente, o richiesto dalle finalità descritte in questo documento, e l'Utente può sempre chiedere l'interruzione del Trattamento o la cancellazione dei Dati.
Finalità del Trattamento dei Dati raccolti
I Dati dell'Utente sono raccolti per consentire al Titolare di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne, Statistica e Interazione con social network e piattaforme esterne.
Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicati nelle sezioni specifiche di questo documento.
Dettagli sul trattamento dei Dati Personali
I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Interazione con piattaforme esterne e social network (Facebook), contatto via email
Statistica
Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne
Ulteriori informazioni sul trattamento
Difesa in giudizio
I Dati Personali dell'Utente possono essere utilizzati per la difesa da parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell'Utente.
L'Utente dichiara di essere consapevole che il Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.
Informative specifiche
Su richiesta dell'Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questa Applicazione potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.
Log di sistema e manutenzione
Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questa Applicazione e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l'indirizzo IP Utente.
Informazioni non contenute in questa policy
Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.
Esercizio dei diritti da parte degli Utenti
I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno degli stessi presso http://www.ondept.it, di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento.
Questa Applicazione non supporta le richieste "Do Not Track". Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.
Modifiche a questa privacy policy
http://www.ondept.it si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina, prendendo come riferimento la data di ultima modifica indicata in fondo. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l'Utente è tenuto a cessare l'utilizzo di questa Applicazione e può richiedere al Titolare del Trattamento di rimuovere i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.
Informazioni su questa privacy policy
ondept.it è responsabile per questa privacy policy.
Questa informativa privacy riguarda esclusivamente questa Applicazione.

AccessDeniedAccess Denied39875B256AEB739DizZbx4kFDQEpzgkfJRyzOK+XtyPvT/iBwI1wlcL4O2L7/hHsD1DK9RqR3DbPYly4R4LriLlW2rg=